Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Settembre, 2014

Decorazioni per la festa di compleanno con i palloncini

Quanto tempo è che non parliamo di organizzazione delle feste?!? Io direi abbastanza da riprendere in mano l'argomento e di continuare a parlarne! In fondo la scuola è già iniziata e noi siamo stati già invitati alla prima festa!

Direi quindi di non indugiare troppo e di fare un breve ripasso degli argomenti già trattati qui sul blog!

Intanto il piano, disatteso, degli argomenti di cui avrei dovuto parlare ve lo ricordate? lo potete leggere qui!

Vi ho mostrato come costruire unaalzatina per dolci utilizzando bicchieri e piatti di carta. e come preparare gliinvitie le partecipazioni.

Oggi vediamo come fare per decorare la nostra sala per le feste in modo originale e colorato.

pasticciamo con i colori alla scoperta di Tullet

Il libro di Tullet "Colori" ci è piaciuto talmente tanto all'Ometto che ha voluto cimentarsi anche lui nella realizzazione di alcune tavole.

Al grido di "mamma vediamo se ci riesco anche io" ha preso i colori a dita, i fogli bianchi e si è messo a pasticciare.

E così abbiamo scoperto che è vero che se si strofina il blu con il rosso esce fuori il viola



Se si inclina il foglio, magicamente i colori scivolano e si mischiano





Il bianco schiarisce i colori, ma i colori a dita sono talmente pastosi che non si mischiano del tutto...

E poi, dopo ogni foglio pasticciato, prima di andare i bagno a lavare le mani ci vuole una bella impronta come dimostrazione del lavoro svolto!!!



E così è nato in nostro personalissimo libro sui colori!!!

pochette porta documenti utilizzando una tenda per doccia

Sì avete capito bene. Per realizzare questa pochette porta documenti ho usato la stoffa di una tenda per doccia. Non una tenda di plastica, ma una di quelle di stoffa cerata che si possono tranquillamente lavare in lavatrice e anche stirare.

Mollettone ferma carte

Ci sono cose che non ci piacciono e che buttiamo via senza pensarci troppo su. Ci sono cose che non ci piacciono eppure non riusciamo a disfarcene perché ci rendiamo conto che possiamo modificarle solamente un po' per farcele anche piacere!

E' questo il caso di questo mollettone, all'origine di un colore bruttissimo e con una bruttissima targhetta di ottone.

Mi sembrava brutto lasciarlo ancora inutilizzato nello scatolone dei "lavori che prima o poi farò" così ho deciso di prendere in mano pennelli e colori acrilici e di dargli una bella verniciata.

Io non ho mezze misure: o bianco e avorio, o colori brillanti! Visto che partivo da una base scura, non ho voluto infliggermi troppo supplizio e ho accantonato l'idea dei colori chiari. Ho optato invece per il blu primario, che a me piace sempre tanto!!!

E per coprire l'orrenda targhetta di ottone ho usato fiorellini e farfalle in gomma crepla!

Così mi piace decisamente di più!

Il mio peccato capitale è la gola ‪#‎diBLOGinBLOG

Ricomincia, dopo la pausa estiva la Staffetta Di Blog in Blog e si porta dietro un bel po' di novità! Prima fra tutte l'organizzazione dei blog partecipanti e dei loro post. Non troverete più infondo al post l'elenco di tutti i partecipanti, ma saremo ospitati tutti sul blog di Alessia Scrap & Craft.

Questa volta parliamo di peccati capitali. Qual'è il mio? Mai risposta fu più difficile da dare!!!

Voi vi ricordate quali sono?

ira invidiagola accidiaavarizialussuriasuperbia Io ho riflettuto molto e alla fine ho trovato una risposta andando per esclusione.
Ira e invidia non mi stanno di casa, tutto sono tranne che accidiosa o superba. Sono golosa, questo sì. Mi piace, soprattutto quando sono in giro, mangiare e bere le buone cose che il territorio che mi ospita ha da offrirmi. Non è proprio quello che può definirsi un vizio (e cioè un "allontanamento dalla volontà divina") ma è qualche cosa che si avvicina di più alla ricerca del bello e del buono.
Visto che…

Giochiamo con i Colori di Tullet

Capita, a volte, che andando in libreria ci si perda tra tanti libri, tanti titoli e tante storie. Capita che ci si perda talmente tanto che non si riesca a scegliere il libro giusto da acquistare o da regalare.

Primo giorno di scuola

Quand'è che da 8 mm nella mia pagina è cresciuto ed è arrivato a 110 cm? Com'è che improvvisamente sono passati quasi sei anni e siamo passati dal giocare al parco giochi al primo giorno di scuola primaria?

Questi interrogativi (e tanti altri ancora) affollavano questa mattina le menti di mamma e papà!

Flotta di aerei con stecche di gelato e carta colorata

La scuola non è ancora iniziata e io mi godo le ultime mattinate di gioco con il mio Ometto.

Oggi c'è venuta voglia di pasticciare un po' e di costruire una vera e propria flotta di aerei per disputare una gara memorabile.

Visto che tra i giocattoli non c'erano così tanti aerei e che a noi servivano anche tutti uguali, abbiamo deciso di costruirli.



Cosa abbiamo usato? Ecco i materiali occorrenti per questo progetto:

stecche di legno di gelato (o simili)
cartoncino colorato
colla stick
forbici
pennarello nero
Prima di tutto abbiamo  scelto i colori delle stecche che, alla fine, diventeranno le carene dei nostri aerei. Il compito è stato facilitato dal fatto che abbiamo una buona scorta di stecche già colorate, altrimenti dovrete fare un passaggio in più e colorarle (oppure lasciarle tutte al naturale).

Abbiamo poi preso un foglio bianco sul quale abbiamo disegnato le ali e il timone degli aerei, così abbiamo potuto facilmente realizzare gli aerei di uguali dimensioni.



Abbiamo r…

come fare i fiorellini all'uncinetto

Ormai l'ho capito, a me non piace usare l'uncinetto per fare centrini! A me piace sperimentare nuove tecniche, nuovi materiali, mi piace tenere le mani impegnate per progetti di veloce realizzazione, che altrimenti mi stufo e finisce che rimangono incompiuti nell'armadio.

Una scorta di baci per cominciare bene l'anno scolastico

Il nostro Ometto fra qualche giorno comincerà la prima elementare. E io o vedo dubbioso e preoccupato, forse per il cambio di maestra, forse perché non ha ben capito cosa lo aspetterà nella "scuola dei bambini grandi". E' comunque un Ometto emozionato. Qualche cosa dovevamo inventarci per esorcizzare la paura e per tranquillizzare gli animi. Così mi è venuta un'idea!
Sono andata alla sua libreria e ho tirato fuori un albo che a lui piace molto "Zeb e la scorta di baci".

Questo libro affronta il distacco delle zebrette dai genitori in occasione di una gita di più giorni. I genitori di Zeb, per non far gli sentire la loro mancanza, gli regalano una scorta di baci impressi su foglietti di carta.
Un'idea bella e anche facile da realizzare anche per noi!
Dopo aver vinto il timore che avere una "scorta di baci" nello zaino potesse essere una cosa da femmina (giuro che non è colpa mia se l'Ometto fa queste distinzioni di genere e che io cerco di…

Profumatore per cassetto a crochet a forma di cuore

Il mio buon proposito per l'estate, ve lo ricordate, era quello di partire con la valigetta creativa al seguito e di realizzare sul posto le idee che mi frullavano per la testa...

E' inutile dirvi che non ho mantenuto il mio buon proposito!

Il set da cucito è stato usato per un provvidenziale rammendo, ma niente di più!la colla a caldo è stata utilizzata per un esperimento riuscito male.Il resto del materiale creativo è ritornato a casa con noi senza neanche essere preso in considerazione.

Gita ai Serrai di Sottoguda (BL)

L'avventura inizia appena parcheggiata la macchina nel paesino di Sottoguda, frazione di Rocca Pietore (BL), dove in vecchi masi è stata ricostruita, con l'ausilio di pupazzi di stoffa e lana, la vita contadina dei primi anni del '900.
Un paesino gioiello, un museo a cielo aperto, che ci ha fatto veramente piacere scoprire.
Alla fine del paese comincia la Riserva Naturale dei Serrai, che si snoda per due chilometri tra gole profonde, grotte e cascate belle da rimanere senza fiato. Dopo la passeggiata (di circa un ora) si arriva alla conca di Malga Ciapela, ai piedi della Marmolada.
Le pareti rocciose che sovrastano il sentiero sono alte più di cento metri e alzare gli occhi al cielo ti fa sentire piccolo piccolo.
La leggenda di Re Ombro e di sua figlia Ombretta, trasformata in pietra dalla matrigna ci accompagna per tutto il percorso.

La strada è facie, adattissima per i bambini e percorribile anche con i passeggini.
Lungo il percorso ci fa compagnia il fiume Pettorina

con…

La Val di Fassa tra emozioni e ricordi

Il nostro viaggiatore cresce e la sua curiosità porta tutta la famiglia a trascorrere vacanze uniche e irripetibili.
Quest’anno siamo andati alla scoperta della Val di Fassa e dei suoi tanti tesori.