Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Febbraio, 2015

A scuola di magia: la polverina magica che fa apparire le scritte

Questo è un gioco di magia di sicuro successo, facile da preparare e che lascerà i bambini senza parole. L'ho proposto alla festa di Carnevale dell'Ometto e i bambini sono rimasti affascinati dal potere della polverina magica che riusciva a far comparire scritte su fogli bianchi!
Come è potuta avvenire questa magia? Ora ve lo spiego!

Materiali occorrenti:



un rotolo di cartone della carta igienica
un pastello bianco
un foglio di carta bianca
accendino
ciotolina

Prima di tutto dobbiamo creare la polverina magica e per farlo dobbiamo bruciare un rotolo di cartone della carta igienica. Io ho preso il rotolo l'ho spezzato l'ho messo in una ciotolina di coccio  e gli ho dato fuoco. Attenzione questa operazione è meglio farla all'aperto lontani da fonti infiammabili!!!



Una volta che il cartone si sarà completamente bruciato noi avremo la nostra polverina magica.



Ora passiamo alla seconda fase: scriviamo il messaggio segreto su un foglio bianco con un pastello a cera bianco.

Pr…

Arriva il Clown!!!

ATTENZIONE: questo non è un post serio!!! Nessuno dei miei post è da considerarsi serio, ma questo meno che mai!
Anzi, per essere sincera, io non lo avrei neppure scritto un post del genere e sicuramente non avrei neanche messo la mia foto vestita da Clown se non fosse stato per la Comare Squitty che addirittura oggi ha condiviso un video nel quale si cimentava come Clown.
Insomma, sono stata tirata in causa  e non mi sono proprio potuta tirare in dietro! E per fortuna che alla festa di carnevale dello Gnomo nessuna delle mie amiche è stata così pronta e lucida da farmi un video... altrimenti altro che foto!

Ispirazioni&Co - 4 il Circo: vaso sospeso

L'argomento di questo mese di Ispirazioni&Co. è il Circo e io sono rimasta molto titubante su cosa fare, su come interpretare questo tema.  Poi ho pensato al numero che a me piace più di tutti vedere... e tutto mi è apparso più chiaro e più fattibile!
Avete presente gli acrobati circensi che utilizzano i lunghi nastri di seta per le loro evoluzioni?  Ecco a me quegli artisti piacciono da impazzire. E così, pensando a loro, è nata la mia ispirazione
Dall'idea di nastri che si annodano...

una e più volte per rendere salda la presa...

con un barattolo di vetro a disposizione per creare un porta vaso sospeso nel quale manca solo di inserire...

Mi raccomando andate anche a trovare le altre tre Comari che per questo mese hanno già pubblicato la loro ispirazione!  L'idea del Circo come tema del mese è stata di Fabiola che ha realizzato il Teatro delle Ombre. Poi Federica ha pubblicato un insolito mazzo di carte. Infine Rosalba ha cucito una meravigliosa giostrina di stoffa.

L' acca in fuga ...una favola rivisitata dall'Ometto

"C'era una volta un'Acca. Una povera Acca da poco: valeva un'acca e lo sapeva".

Questo è l'incipit di questa storia favolosa e divertentissima e adatta a bambini di età scolare.

Noi abbiamo comprato questo libro troppo presto (perchè non si può leggere la storia di una povera acca a un bimbo analfabeta) e per un po' è rimasto il libreria solo soletto mentre i suoi amici libri venivano letti e sfogliati.

Il riso degli sposi

Lanciare il riso agli sposi è augurio di prosperità.
Pare che il tutto risalga a una leggenda cinese che ha come protagonista un genio buono che fa nascere da una palude i germogli di riso.
Nell'antica Roma al posto del riso si lanciava del grano, simbolo anch'esso di prosperità.
In molti paesi dell'italia il riso, insieme ai confetti, si lancia anche quando gli sposi escono dalla casa natia per recarsi all'altare.
Insomma, il riso non può mancare nelle cerimonie di matrimonio. E di certo non poteva mancare al mio matrimonio. E dato che io sono un po' megalomane di riso da far lanciare ai miei invitati ne ho preparato tantissimo: 1 chilo di riso ci è piovuto a dosso al termine della cerimonia!!!
Naturalmente ho preparato io tutti i cartocci colmi di riso. Ho solo fatto un piccolissimo errore! Mi sono scordata di lavare il riso. Più che scordata, non sapevo che il riso andasse lavato pena il ritrovarsi l'amido bianco sui vestiti. Che poi il mio vestito era bian…

Restyling della cesta del bucato

Io non ho in casa un locale adibito a lavanderia. I panni da stirare fanno sempre bella mostra si se in camera da letto. Sono lì e inesorabilmente mi ricordano che devo prendere coraggio e mettermi a stirare.
Fino a ieri li riponevo in una cesta pratica ma veramente brutta e anche abbastanza vecchiotta.

Festa di Carnevale: topper per i dolci

Dopo aver preparato la ghirlanda fuori porta e i festoni per la sala dobbiamo ancora dare un tocco di colore alla tavola.


Io ho pensato di creare dei topper per dolci dagli avanzi della carta velina che avevo utilizzato per la ghirlanda.

Ispirazione circense: biglietto pop-up

Anche questo mese mi sono fatta contagiare dall'Ispirazione lanciata dalle mie amiche Comari Federica Fabiola e Rosalba e anche questo mese ho deciso di partecipare qui con questo blog e con una ispirazione formato "bambino".



Questa volta mi sono lanciata nella sperimentazione di una tecnica nuova per me: la creazione di un biglietto di invito pop-up.


Vediamo, allora, come questo biglietto ha preso forma.

Materiali occorrenti:
foglio A4 di carta biancapennarelliforbicicolla stickcartoncino colorato
Sono partita da un foglio bianco A4 l'ho piegato a metà e nella metà superiore ho disegnato la scena di un Circo ho inciso con le forbici il centro della scena per creare l'effetto pop-up. Ho poi colorato con i pennarelli



Su un altro foglio di carta ho disegnato e colorato, sempre con i pennarelli, un pagliaccio.


Ho poi sagomato il pagliaccio e assemblato il biglietto.




Ho incollato tutto (facendo attenzione a non incollare la parte centrale che crea l'effetto 3D).

E…

Festa di Carnevale: festoni in carta crespa fai da te

Se ieri abbiamo pensato a come accogliere i nostri invitati a casa nostra il giorno della festa di Carnevale, oggi ci occupiamo di rendere accogliente e colorato il nostro salone della festa!

Come fare? Basta veramente poco per dare un tocco di colore e di allegria!

Giochi per la festa di Carnevale: attacca il naso al pagliaccio

Se siete così folli e coraggiosi da aver organizzato una festa di Carnevale per i vostri figli (e amichetti) in casa vostra, ebbene avete solo un modo per far sì che non vi distruggano la casa: dovete organizzare dei giochi e dovete tenerli impegnati il più a lungo possibile!!! Armatevi di pazienza, di voce e di giochi e vedrete che i bambini si divertiranno e non vi distruggeranno casa!!!

In questi giorni troverete sul blog un po' di idee e consigli su giochi facili da preparare e di sicura riuscita (tutti questi giochi sono stati già sperimentati dall'Ometto e dai suoi amichetti).

Festa di Carnevale: ghirlanda fuoriporta

Siamo nel pieno del Carnevale e a me è venuta voglia di organizzare a casa una festa per 7 nanerottoli seienni!
Lo so una semi follia!!!
Da questa semi follia però sono nate tante idee...insomma mi sono divertita un mondo a progettare e a creare le decorazioni.
E ora sono qui a mostrarvele...una alla volta che non c'è fretta!
Comincio dalla ghirlanda fuoriporta: grande e colorata con una scritta di benvenuto realizzata dallo Gnomo!
Materiali usati per la sua realizzazione:
4 fogli di carta velina arancione4 fogli di carta velina blucolla a caldo cartonecartoncinofoglio da disegno Ho piegato a fisarmonica il lato piu lungo degli 8 fogli di carta velina. Ho piegato a metà le strisce e alternato i colori.


Ho poi aperto a ventaglio gli spicchi e ho cominciato a unirli con una spillatrice

Prima di unire i due spicchi, però, ho ripiegato tutto e accorciato le punte di dieci centimetri circa


Dal cartone, con l'aiuto di un piatto ho ricavato due dischi e li ho incollati, uno per lato, …

Maschera di Carnevale in cartapesta

Il grande gioco del Carnevale è il travestimento.  Per qualche giorno, o solo per qualche ora, si fa finta di essere qualcun altro. Per fare ciò la cosa più veloce e comoda da fare è usare le maschere per coprire il viso.
Ne esistono di diverso tipo: alcune  coprono solo gli occhi, altre il viso intero. Tutte hanno un unico scopo: creare una illusione.

Molti sono i materiali che si possono utilizzare per fabbricare le maschere. Nella tradizione italiana è la cartapesta il principale dei materiali utilizzati.

Per produrre la cartapesta ci vuole veramente poco: basta della carta da riciclare (un vecchio quotidiano o i sacchetti del panificio), acqua, colla vinilica.

Per realizzare questo progetto occorre: CartapestaUna base per maschera di plasticaTempera acrilica color avorioGlitter glue


Dopo aver preparato la cartapesta, quest va poggiata sulla base in plastica fino a ricoprirla completamente (lasciando naturalmente le fessure degli occhi e della bocca.




Il tempo di asciugatura della cartapest…

Guest post: lavori su tessuto con la tecnica del trasferimento d'immagine

E siamo giunti alla fine dei 30 giorni dedicati alla nostra prima Ispirazione: Parigi.

Dobbiamo veramente ringraziare tutte le creative che hanno preso parte al progetto e hanno contribuito a incrementare la raccolta con i loro lavori e con le loro ispirazioni!!!

Abbiamo avuto modo di conoscere e scoprire molte creative e le loro tecniche!  Abbiamo ammirato i loro capolavori, ma ci sembrava sprecato lasciare tutto confinato lì.

Io, in particolare sono rimasta colpita dai lavori di Lorena e dalla tecnica del trasferimento di immagine. Le ho chiesto di parlarcene qui sul mio blog e di spiegarci come fa ad eseguire questi splendidi lavori.

A lei la parola.

Questa tecnica consiste nel trasferire  l'inchiostro di una  stampa laser o fotocopia al tessuto.Ci sono diversi modi per trasferire un'immagine: con la  nitro diluente oppure con  il detergente  all'olio essenziale di arancio Almawin   che lo si trova anche nei negozi di Natura Si.

Materiali occorrenti:
stoffa di cotone o lino p…

porta tovaglioli S. Valentino

Il giorno di S. Valentino è alle porte. Per una cenetta veramente romantica bisogna organizzare tutto nei minimi particolari.
Se avete già pensato al menù, ora è il momento di pensare a come apparecchiare la tavola. Per una volta abbandoniamo l’idea di utilizzare i tovaglioli di carta. Non perdiamoci in un bicchiere d’acqua: utilizziamo quelli di stoffa. Infondo stiamo apparecchiando per due persone e non per un reggimento.

Tazze della colazione con cuori dipinti

Ho ritrovato in cucina delle anonime tazze bianche e mi è venuta voglia di renderle uniche, di disegnarci su e di farle diventare tazze adatte per la colazione del 14 febbraio. Che poi il 14 febbraio quest'anno viene di sabato ... E poi c'è il gruppo delle ragazze di The Creative Factory  e quello delle tazze dipinte mi sembra il progetto ideale per partecipare ad Hand Made Valentine. Insomma un'occasione così ghiotta non potevo proprio lasciarmela sfuggire!

Centro tavola per S. Valentino

Sabato si festeggerà S. Valentino. Che ne dite di organizzare una bella colazione romantica?! Basta preparare tutto la sera prima! Apparecchiamo con le tovagliette, disponiamo le tazze, la zuccheriera e, per centrotavola, un bel mazzo di cuori dentro a un vasetto di vetro da conserve.
Vi sembra un progetto irrealizzabile? No, affatto!