Passa ai contenuti principali

Insieme raccontiamo 14: La porta magica




Ormai è diventato un appuntamento imperdibile quello con Patricia e con l'incipit della sua storia. Quando non partecipo è solo perché non faccio in tempo, non perché non ne ho voglia!

Questa volta, poi, mi sono lancianta in un racconto fantasy e, a differenza delle altre volte, ho optato per la versione lunga del racconto e ho contato non le battute, ma le parole.

Ricordo brevemente le regole di Patricia.

Un finale di 200/300 battute o 200/300 parole.


La scadenza è per il 30 di ottobre.
Questo è l'incipit di Patricia


Seduta ai margini del bosco sotto alla vecchia quercia spoglia rimuginava. 
Un peso le gravava sulla coscienza. Forse era giunta l’ora di liberarsene ma con chi parlarne? 
A chi rivolgersi? 
Chi avrebbe capito?
D’un tratto il tappeto di foglie ingiallite dall’autunno scricchiolò vicino a lei. Si voltò.

Un piccolo Gnomo dalle orecchie a punta e dalla lunga barba bianca le si avvicinò.
"Alice sono arrivato e sono tutto orecchi!"
"La fai facile Thor sono io che non so da dove cominciare", rispose la bambina sorridendo allo gnomo.
"Vai a capire perché i grandi sono così complicati"
"Hanno tanti anni Alice, non è colpa loro, è il tempo che passa!"
"Hai ragione Thor. Facciamo così, ti racconterò una storia...

C'era una volta una porta con una strana serratura. Non serviva la chiave per aprirla, servivano parole.
Beh, la porta era magica ma non stupida. Non bisognava stare lì davanti a parlare a casaccio. Bisognava dire le parole giuste, che nascevano dal cuore. Solo con parole di questo tipo la porta si apriva e rivelava il segreto che celava.
Una sola persona era riuscita ad aprire quella porta: una bambina.
Non è importante sapere con quali parole era riuscita ad aprire la porta.
La cosa importante è sapere cosa ha trovato dall'altra parte.
La porta era un ponte di passaggio tra due mondi.
Il mondo fatato da una parte, il mondo reale dall'altra.
E il mondo reale Thor era molto, molto pauroso.
I colori erano scuri.
Il sole non illuminava.
I bambini non giocavano, ma facevano la guerra.
La bambina era atterrita e voleva tornare indietro.
Voleva richiudere la porta, cancellare le parole che l'avevano aperta, sprangare per sempre quella serratura e rimanere nel mondo di qua.
Era disperata e non sapeva come fare.
Non le rimaneva altro da fare che scappare e nascondersi sotto alla vecchia quercia.

259 parole.



Commenti

  1. Bella favola Barbara!
    Temo però che quella bambina non sia più riuscita a chiudere di nuovo la porta :(
    Bacio!

    RispondiElimina
  2. Anche tu ti sei lanciata con il magico. Brava barbara.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ogni tanto un'incursione nel mondo magico ci vuole. Grazie!

      Elimina
  3. Alice al contrario. Geniale!
    Si legge che è una meraviglia, brava :)
    Marina

    RispondiElimina
  4. Cazzarola, Barbi, troppo bello!!!
    Stavolta ti sei superata.

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Guest Post di Decoriciclo: LA PASTA DI LEGNO

Sono tanto contenta oggi di poter ospitare il post di Daniela. Il suo blog decoriciclo mi piace un sacco e poi lei sa utilizzare, bene, tantissime tecniche.
Oggi ci parla della PASTA DI LEGNO che cos'è? Leggete il suo post!!!

Giocare con i libri: Pezzettino con i mattoncini di mais

Mi piace lavorare e pasticciare con lo Gnomo, soprattutto quando il rapporto è paritario e lavoriamo in sinergia.
Questa volta io ho proposto di giocare con i mattoncini di mais e lo Gnomo ha proposto di ricostruire i personaggi del libro di Lionni "Pezzettino" con i mattoncini.

decorazioni per Pasqua: cestino porta uova in feltro

Ho una casa in subbuglio, il trasloco è alle porte, ma io di stare con le mani in mano proprio non ci riesco! E poi anche Pasqua si avvicina e anche nel marasma scatoloni - cose da buttare - cose da lavare non vogliamo preparare almeno una piccola decorazione? Una macchia di colore nel caos?