Passa ai contenuti principali

Insieme Raccontiamo 18: il treno


Non riesco a stare per tanto tempo lontana dalla iniziativa di Patricia. Mi diverto troppo a scrivere i finali dei suoi racconti.

Ogni tanto il tempo di scrivere mi sfugge da sotto le mani, però il blog di Patricia lo considero un porto sicuro a cui approdare.

Mettiamoci poi che i suoi incipit sono uno più bello dell'altro...

...Ok sviolinata finita!


Vi ricordo brevemente le regole del gioco: bisogna scrivere il finale di racconto in 200/300 battute oppure in 200/300 parole. Da questo mese Pat. ha anche messo una fotografia a cui bisogna attenerci per il finale del tema.

La fotografia per questo mese è quella che vedete in cima al post e il tema del racconto è il treno

Questo è l'incipit di Patricia

Battisti nelle cuffiette cantava “c’è un treno che parte alle 7,40...”

Forse non erano proprio le 7,40 però il treno era lì, fermo come un cannibale vorace pronto a inghiottire chiunque gli si avvicinasse troppo. Pauroso, eppure invitante.

Doveva smettere di guardarlo e prendere una decisione. Salire o no?


Questo il mio finale

Il fischio del controllore lo aveva riportato alla realtà. Solo pochi secondi per prendere la decisione che gli avrebbe cambiato la vita. Il tasto rewind non funzionava, doveva andare avanti. 
La direzione l'avrebbe trovata camminando. 
Doveva voltare le spalle al treno e cominciare il suo cammino. 

Con questo post partecipo a 
 

Commenti

  1. Bellissimo Barbara!
    Una decisione va sempre presa. Non serve crogiolarsi nell'incertezza. Fa male! Brava, ottima prova.

    Ps.. sviolinata? Continua pure che non mi offendo 😅😅😅😅😅

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Pat! Parto di nuovo di violino eh!

      Elimina
  2. Ma brava Barbara.
    Gli incipit di Patrizia fanno sempre venire la voglia di ... continuarli.
    Bello il tuo finale!
    Un abbraccio
    Maria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Maria, c'è posto eh... :)
      Bacio

      Elimina
    2. Maria ha ragione Patricia. E' un gioco divertentissimo e alla fine è come mangiare ciliege

      Elimina
  3. Bel finale, l'opposto del mio. In ogni caso la decisione presa porterà lontano.
    Brava.

    RispondiElimina
  4. Ogni decisione è quella giusta, se si segue l'istinto e sopratutto il cuore! :) Brava Barbara <3

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Guest Post di Decoriciclo: LA PASTA DI LEGNO

Sono tanto contenta oggi di poter ospitare il post di Daniela. Il suo blog decoriciclo mi piace un sacco e poi lei sa utilizzare, bene, tantissime tecniche.
Oggi ci parla della PASTA DI LEGNO che cos'è? Leggete il suo post!!!

Giocare con i libri: Pezzettino con i mattoncini di mais

Mi piace lavorare e pasticciare con lo Gnomo, soprattutto quando il rapporto è paritario e lavoriamo in sinergia.
Questa volta io ho proposto di giocare con i mattoncini di mais e lo Gnomo ha proposto di ricostruire i personaggi del libro di Lionni "Pezzettino" con i mattoncini.

decorazioni per Pasqua: cestino porta uova in feltro

Ho una casa in subbuglio, il trasloco è alle porte, ma io di stare con le mani in mano proprio non ci riesco! E poi anche Pasqua si avvicina e anche nel marasma scatoloni - cose da buttare - cose da lavare non vogliamo preparare almeno una piccola decorazione? Una macchia di colore nel caos?