Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Marzo, 2017

Insieme Raccontiamo 19: chi sei?

Ormai il gioco lo conoscete, non è la prima volta che partecipo a Insieme Raccontiamo. Patricia è fantastica. Ogni mese scrive un incipit che difficilmente si può ignorare. Almeno io non ci riesco e se qualche volta salto è per mancanza di tempo.

Hande made Spring: formina di talco profuma cassetti

Il sole comincia a scaldare l'aria per bene e io ho cominciato, come se non avessi niente di meglio da fare, a mettere a soqquadro casa. avete presente quando vi viene la voglia irrefrenabile di cambiamento?

Ecco. Il mio moto di cambiamento è cominciato dai cassetti. Per il momento ne hanno fatto le spese due tovaglie e qualche strofinaccio, però passerò presto anche agli altri.

Ho una casa infestata da cassetti che a me piace tenere sempre profumati.

Per questa primavera, e per l'appuntamento con le amiche di The Creative Factory ho pensato di fare un esperimento. A dire la verità non mi è venuto esattamente come avevo in testa, però come opera prima penso che mi accontenterò.

Eccola qui la mia formina di talco.



Quattro idee per realizzare un teatro in casa

Quello del teatro è un tema che mi sta particolarmente a cuore. Quando l'Ometto era più piccolo (e mi dava retta quando proponevo un gioco) abbiamo costruito teatrini e marionette di tutte le forme e dimensioni. Un po' di questi link li ho già messi in raccolta.

Così mi è venuta l'idea di farmi un giretto su Pinterest alla ricerca di qualche idea per costruire teatri in casa.

Ho trovato queste quattro che a me sono piaciute molto.



Io lo dico con i fiori... e voi?

Vi va di giocare un po'?
Non è un gioco impegnativo, ora vi spiego per bene cosa mi è passato per la testa.

Sta finalmente arrivando la primavera e in giro si vedono fiori sbocciare, alberi fiorire e finalmente le giornate sono più calde e anche stare in giro all'aria aperta è più piacevole.

Ispirazioni&Co. - Marzo: Il monologo del calzino spaiato

Monologo del calzino spaiato Sono la signara Ina.
Una volta ero sposata, sapete. Già. Io e mio marito Calz eravamo sempre insieme, vicini vicini. 
Ogni tanto venivamo separati perchè ognuno di noi ospitava un piede, ma la seprazione non durava a lungo e quandoeravamo separati uscivamo spesso da casa, andavamo in giro, insomma era divertente anche non essere sempre appiccicati.