Passa ai contenuti principali

Il circuito elettrico


Questo fine settimana abbiamo aperto la meravigliosa scatola del "Piccolo Chimico" e ci siamo messi a pasticciare, in cucina, lontani da occhi indiscreti...

Di esperimenti ne abbiamo fatti parecchi. Abbiamo fatto cagliare il latte, abbiamo fatto sprigionare anidride carbonica all'aceto, abbiamo mischiato acqua e farina... insomma ci siamo divertiti un bel po': io con sempre in mano il libretto degli esperimenti, l'Ometto con provette e co.

Poi, a un certo punto è arrivata la richiesta: "mamma facciamo quell'esperimento che ti permette di creare i cristalli?"

Ecco. Io mi diverto a fare tutto tranne che a mischiare polverine e reaggenti. Sarà perchè al liceo avevo un professore si scienze alternativo che ci ha fabbricato una bomba in laboratorio e l'ha fatta esplodere nella cappa, sarà che sono rimasta un tantino traumatizzata... ma preferisco evitare di mischiare polverine colorate nella mia cucina.


Per fortuna il libretto del comando ce lo avevo in mano io e quindi ho detto "no, niente cristalli! Si fa un impianto elettrico".

Sull'impianto elettrico mi sento un tantino più sicura che alle scuole medie facevamo spegnere e accendere lampadine che era una meraviglia!

Per fortuna mia l'Ometto si è subito convinto e abbiamo cominciato a lavorare.

L'esperimento prevedeva di var passare il filo rosso (attaccato a un polo positivo) in un bicchiere d'acqua. In pratica avevamo due cavetti rossi: uno da far passare dal porta batterie all'acqua e uno dall'acqua alla lampadina. Il filo blu, invece andava diretto dal polo negativo alla lampadina.

Le istruzioni parlavano chiaro: non far toccare i due fili tra loro e non metterli entrambi nel bicchiere dell'acqua pena esplosione.

Perfetto!

Ricontrolliamo tutti gli attacchi, che non si sa mai. Corriamo a tirare giù la serranda che la luce è piccina sia mai che si accende e noi non ce ne accorgiamo. Spingiamo la luce e...

Buio.

"Mamma non funziona, qui non si accende niente!"

"Amore tocca ricontrollare gli attacchi, che magari quando abbiamo messo i morsetti i fili si sono spostati"

Riproviamo

Buio.

"Mamma ma non è che nel porta batterie dobbiamo mettere anche le pile?"
...
Questo passaggio il libretto di istruzioni lo dava per scontato!
Per la cronaca l'esperimento scientifico voleva far vedere che la luce sui accendeva solo con l'acqua mineralizzata. Se infatti avessimo messo nel bicchiere l'acqua che si usa per il ferro da stiro la lucina non si sarebbe accesa.
Noi siamo riusciti a fare di meglio però 😀

Abbiamo ancora parecchi esperimenti da provare...



Commenti

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Guest Post di Decoriciclo: LA PASTA DI LEGNO

Sono tanto contenta oggi di poter ospitare il post di Daniela. Il suo blog decoriciclo mi piace un sacco e poi lei sa utilizzare, bene, tantissime tecniche.
Oggi ci parla della PASTA DI LEGNO che cos'è? Leggete il suo post!!!

Giocare con i libri: Pezzettino con i mattoncini di mais

Mi piace lavorare e pasticciare con lo Gnomo, soprattutto quando il rapporto è paritario e lavoriamo in sinergia.
Questa volta io ho proposto di giocare con i mattoncini di mais e lo Gnomo ha proposto di ricostruire i personaggi del libro di Lionni "Pezzettino" con i mattoncini.

decorazioni per Pasqua: cestino porta uova in feltro

Ho una casa in subbuglio, il trasloco è alle porte, ma io di stare con le mani in mano proprio non ci riesco! E poi anche Pasqua si avvicina e anche nel marasma scatoloni - cose da buttare - cose da lavare non vogliamo preparare almeno una piccola decorazione? Una macchia di colore nel caos?